12/05/21

Il vaccino è la pandemia: MOLTEPLICI paesi vedono un picco di morti covid DOPO l'inizio dei vaccini covid

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

  Il-vaccino-e-la-pandemia



Un totale di 26 paesi stanno segnalando un massiccio aumento di "casi", lesioni e decessi del coronavirus di Wuhan (Covid-19) ora che i "vaccini" sono ampiamente utilizzati.


Traduzione a cura di Vivereinmodonaturale.com

Da NaturalNews.com

Le isole di Antigua e Barbuda nei Caraibi, che hanno iniziato a vaccinare le persone il 17 febbraio, hanno entrambe riportato un forte aumento delle morti per virus cinesi - il più alto, infatti, da quando la pandemia è stata lanciata per la prima volta. Ci sono voluti due mesi interi perché i numeri dei casi tornassero ai livelli di pre-vaccinazione.

In Brasile, dove il 16 gennaio è iniziata la somministrazione di vaccini per l'influenza di Wuhan, le morti attribuite al nuovo virus sono aumentate vertiginosamente. Quattro mesi dopo e quelle morti sono ancora massicciamente più alte di quanto non fossero prima del rilascio dei vaccini.

Il Paraguay sta assistendo a un aumento simile. Il suo programma di vaccinazione è iniziato il 21 febbraio e le morti hanno continuato ad aumentare in modo esponenziale. Più vaccini vengono somministrati, più morti vengono segnalati.

Passando al Qatar, che ha iniziato a vaccinare le persone il 28 gennaio, viene segnalato un corrispondente aumento delle morti indotte dai vaccini. Sono passati più di tre mesi dall'inizio delle iniezioni e il numero dei decessi non è tornato ai livelli pre-vaccino.

La lista va avanti e indietro con Maldive, Mongolia, Estonia, Gibilterra, India e sì, Stati Uniti, che riportano tutti dati simili. Ovunque vengano somministrati attacchi di virus cinesi, lì troverai morte e malattie dilaganti.

Per saperne di più, visita ChemicalViolence.com .

Pro-vax cult afferma che la correlazione non è uguale alla causalità

Nonostante una chiara e ovvia tendenza all'orrore che si trascina dietro l'autobus del vaccino, la setta pro-vax insiste sul fatto che niente di tutto ciò dimostra che le iniezioni fossero responsabili. È solo una coincidenza che subito dopo l'iniezione di massa di persone, i tassi di malattia e mortalità siano alle stelle.

"Sì, i dati sono di associazione, ma ignorare i dati ESCLUSIVAMENTE per questi motivi non è il modo in cui funziona il metodo scientifico", ha twittato una persona. 

"Questa, invece, è la dissonanza cognitiva."

Molti medici in terapia intensiva in prima linea si stanno facendo avanti per riferire che anche loro stanno osservando un forte aumento della malattia e della morte tra coloro che sono stati recentemente vaccinati per i germi cinesi.

Le persone aggredite stanno ora allagando i pronto soccorso, e il Centers for Disease Control and Prevention (CDC) sta attribuendo tutto al "virus", definendo questi eventi infezioni "rivoluzionarie".

Questa versione buffa è qualcosa che ci si aspetta dal CDC, una società privata, che non ammetterà mai, in nessuna circostanza, che qualsiasi vaccino causi lesioni o danni.

Sono i vaccini, e non qualche "variante", che stanno inaugurando la "terza ondata"  del genocidio cinese. Eppure il governo continuerà a incolpare il "virus", insieme a coloro che si rifiutano di essere vaccinati con esso.

Si stima che molto presto il numero di decessi post-vaccino aumenterà drasticamente fino a raggiungere le decine di migliaia. Da lì, il cielo è il limite in termini di potenziali milioni di persone che finiscono per perdere la vita a causa delle iniezioni cinesi.

Questa terza ondata di morte indotta dal vaccino molto probabilmente all'inizio si diffonderà e alla fine si trasformerà in una vera e propria pandemia che sarà effettivamente evidente al di fuori solo della televisione e dei social media.

"Questi vaccini fondamentalmente strappano via il tuo sistema immunitario, quindi anche il comune raffreddore ti uccide più facilmente", ha scritto uno dei nostri commentatori su come il componente mRNA delle iniezioni trasforma l'iniezione in fabbriche di proteine ​​a picco ambulante.

"La Dott.ssa Tenpenny ha menzionato un team di medici in California che ha eseguito un test su 55 diverse cellule di organi umani che vanno dal cervello, cuore, fegato, reni, ecc e ha monitorato ciò che ha fatto il vaccino ", ha scritto un altro. "Ha attaccato 28 delle 55 cellule di organi umani regolari che ognuno ha nel proprio corpo".

Le fonti per questo articolo includono:

Twitter.com

NaturalNews.com

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti;

La "Biologa Lettrice" Barbara Gallavotti sponsorizza in monologhi interminabili delle terapie geniche sperimentali pericolose

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

  

barbara-gallavotti-vaccini
Nella foto la Biologa Lettrice Barbara Gallavotti

La "Biologa Lettrice" Barbara Gallavotti sponsorizza in monologhi interminabili delle terapie geniche sperimentali pericolose

Eh niente! Lunghissimi e interminabili monologhi vergognosi su La7 nel programma"di Martedì" da parte della "Biologa" Barbara Gallavotti sul tema "vaccini" etc, che poi sarebbero (terapie geniche sperimentali), visto che la stessa parla di Rna..

Oggigiorno il dibattito scientifico non esiste più, esistono solo attori e attricette da grande pubblico, ma questa, più che attriccetta, la definirei più una "lettrice",visto che per tutto il tempo del suo simpatico monologo, non faceva altro che leggere le scritte che passavano sotto l'occhio della telecamera. 😏

A leggere, cara "Biologa", siamo buoni tutti. 🙃

Ah, questa "Biologa lettrice" per una buona parte del "suo" monologo di questa sera, farebbe intendere di essere anche in favore dei brevetti sui "vaccini", (terapia genica sperimentale)

Eh certo!

Altrimenti poi la bustarella queste case farmaceutiche assassine e corrotte, poi, come farebbero a darvela?

Programmi televisivi sempre più squallidi e patetici!!

MedicBunker La Verità

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti;

26/11/20

Il vaccino COVID-19 di AstraZeneca "non sarà mai autorizzato negli Stati Uniti", afferma l'analista

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

  

vaccino-covid-19-astrazeneca-non-autorizzato-stati-uniti
Vaccino Covid-19 di AstraZenaca non sarà mai autorizzato negli Stati Uniti


Poiché i suoi progetti di sperimentazione non soddisfano nemmeno i criteri minimi di base stabiliti dalla Food and Drug Administration (FDA) per i nuovi vaccini, il vaccino vettore adenovirus di AstraZeneca per il coronavirus di Wuhan (COVID-19) "non sarà mai concesso in licenza negli Stati Uniti, " Afferma George Porges, analista sanitario di SVB Leerink .

Nonostante le affermazioni secondo cui il vaccino è efficace al 70% o al 90%, a seconda del set di dati distorti che si guardano, l'iniezione di COVID-19 di AstraZeneca, formalmente nota come ChAdOx1, non è né sicura né efficace.

Traduzione a cura di Vivereinmodonaturale.com

Da:Newstarget.com

Il gigante della medicina "ha cercato di abbellire" i suoi primi rapporti sul vaccino affermando un'efficacia del 90% in un sottogruppo limitato di soggetti che hanno ricevuto una dose "modificata". Questi individui non avevano ancora ricevuto la "dose completa", che è arrivata quattro settimane dopo e ha prodotto risultati meno stellari.

Secondo Porges, ChAdOx1 non sarà mai concesso in licenza negli Stati Uniti per una serie di ragioni, forse la più significativa è che le soglie di base della FDA per la prova scientifica di sicurezza ed efficacia non sono state e non saranno mai soddisfatte.

Non solo, ma il vaccino COVID-19 di AstraZeneca sta danneggiando i partecipanti allo studio dando loro gravi condizioni neurologiche che sono di gran lunga peggiori di qualsiasi cosa il nuovo virus stesso potrebbe produrre.

La tesi di Porges che "tutti i vaccini con proteine ​​di spike sono creati uguali" è stata confusa dai risultati di questi studi interrotti, che mettono in dubbio anche altri vaccini adenovirus-vettore prodotti dai concorrenti di Big Pharma come Johnson & Johnson (J&J).

Nessun vaccino COVID-19 sarà mai sicuro o efficace

Il rovescio della medaglia, Porges sta concentrando i suoi occhi sui vaccini a subunità proteica adiuvati come quelli sviluppati da Novavax e GlaxoSmithKline (GSK). Questi vaccini a virus sintetici ingegnerizzati, dice, potrebbero essere più efficaci nel "potenziare" l'immunità a COVID-19.

"... ma sembra che l'insorgenza di un'immunità preesistente o post-vaccinazione al vettore abbia un significativo effetto di smorzamento sull'efficacia dei vaccini (e può anche conferire rischi) e per questo motivo riteniamo che questi prodotti possano essere considerati fornitori relativamente marginali nel mercato dei vaccini COVID del futuro ", aggiunge.

Lo studio clinico in corso di AstraZeneca continua a rivendicare il 70% di efficacia del vaccino dopo 132 eventi di infezione. Nel frattempo, i media ammettono che i risultati sono "un po 'più contrastanti" di quelli forniti da Pfizer e Moderna, e sono anche più "confusi".

Questo la dice lunga, visto che i risultati "sorprendenti" di Pfizer e Moderna sono completamente falsi e supportati da nient'altro che vuote promesse.

Big Pharma, i media mainstream e altri attori chiave nel gioco del vaccino COVID-19 continuano a fingere di essere perplessi sulla resistenza del pubblico di massa a tutti questi vaccini, indipendentemente dalle rispettive tecnologie.

Almeno la metà del pubblico americano afferma che non vorrà essere iniettato con alcun vaccino COVID-19 perché viene portato sul mercato a "velocità di curvatura" mentre i loro produttori non si assumono alcuna responsabilità per eventuali eventi avversi che potrebbero derivarne.

"Non capisco questa preoccupazione, la gente non capisce che una multinazionale multimiliardaria si affretti a commercializzare un prodotto per venderlo a miliardi di dollari, nonostante gli effetti collaterali potenzialmente dannosi, sapendo che non può essere citato in giudizio a causa della legge che protegge i produttori di vaccini", ha scritto un commentatore di Zero Hedge in modo sarcastico.

"Alcune persone sono solo dei teorici della cospirazione col cappello di stagnola, immagino".

Un altro ha fatto eco a quel sentimento, è che la stessa Moderna ha ammesso nel 2017 che i vaccini a mRNA, che è il tipo che stanno attualmente sviluppando per COVID-19, "non saranno mai abbastanza sicuri per l'uso negli esseri umani".

Per restare aggiornato sulle ultime notizie sul COVID-19, assicurati di controllare Pandemic.news .

Le fonti per questo articolo includono:

ZeroHedge.com

NaturalNews.com

NaturalNews.com

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti;

25/10/20

Il partecipante alla sperimentazione del vaccino COVID-19 MUORE ... AstraZeneca minimizza la morte e continua gli esperimenti medici..

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

partecipante-sperimentazione-vaccino-covid19-muore



Una persona che si è offerta volontaria per la sperimentazione medica sugli esseri umani con il vaccino COVID-19 è morta durante gli studi clinici, riporta The Epoch Times . La morte è stata confermata da funzionari governativi in ​​Brasile, dove si stava svolgendo il processo, e la società il cui vaccino è in fase di test negli esperimenti medici - AstraZeneca - afferma che continuerà i suoi esperimenti sui sopravvissuti umani rimanenti.

Nessuna morte ostacolerà i profitti dei vaccini, a quanto pare.

"Il volontario è morto il 15 ottobre", riporta The Epoch Times. "Non è chiaro se il volontario abbia ricevuto l'iniezione di placebo o il vaccino".


Traduzione a cura di MedicBunker La Verità
tradotto dalla fonte:  Naturalnews.com

Se questa persona fosse morta in qualsiasi altro contesto, la sua morte sarebbe stata ovviamente conteggiata come una "morte covid-19", ma dal momento che è coinvolta in una sperimentazione su un vaccino, i media mainstream intriganti affermeranno che la persona ha ricevuto un placebo, non un vaccino vivo. Tali affermazioni sono una finzione completa, dato che non è consentito rilasciare tali dati sui singoli pazienti. Come riporta TET:

L'autorità sanitaria ha osservato che "i dati sui volontari della ricerca clinica devono essere mantenuti riservati, in conformità con i principi di riservatezza, dignità umana e protezione dei partecipanti", secondo un comunicato stampa.

Pertanto, qualsiasi media che riferisca che il partecipante alla sperimentazione del vaccino faceva parte del gruppo placebo sta mentendo . Poi di nuovo, tutto ciò che fanno è mentire.

Gli esperimenti medici sull'uomo continuano, non importa quanti muoiano nel processo

"Non possiamo commentare i singoli casi in una sperimentazione in corso del vaccino di Oxford poiché ci atteniamo strettamente alla riservatezza medica e alle normative sugli studi clinici, ma possiamo confermare che tutti i processi di revisione richiesti sono stati seguiti", ha detto AstraZeneca in una dichiarazione pubblica.

Questa non è la prima indicazione di pericolosi effetti collaterali legati ai vaccini contro il coronavirus. "È successo dopo che AstraZeneca ha dichiarato l'8 settembre che la sua sperimentazione sul vaccino era stata sospesa a causa di una malattia in un paziente nel Regno Unito", riferisce TET. "La Food and Drug Administration ha sospeso negli Stati Uniti uno studio clinico in fase avanzata di AstraZeneca".

Proprio ieri, Natural News ha riferito di come Johnson & Johnson sia stata costretta a interrompere un altro studio sul vaccino contro il coronavirus dopo che un partecipante alla sperimentazione ha sperimentato una "malattia inspiegabile". Come spiega quella storia :

Johnson & Johnson sta sospendendo la sua sperimentazione sul vaccino contro il coronavirus Wuhan (COVID-19) dopo che un partecipante allo studio si è ammalato. L'arresto arriva poche settimane dopo che la società ha annunciato di essere nella fase finale delle prove.

Nel suo comunicato stampa, Johnson & Johnson ha affermato che il processo è stato sospeso in conformità con gli standard normativi dopo che il partecipante anonimo ha sviluppato una "malattia inspiegabile".

Nelle notizie correlate, nove persone sono morte in Corea del Sud dopo aver ricevuto vaccini antinfluenzali , provocando un panico a livello nazionale per i "vaccini mortali" che stanno uccidendo così tante persone così rapidamente. Come riporta Strange Sounds:

Nove persone sono morte dopo aver ricevuto vaccini antinfluenzali in Corea del Sud la scorsa settimana, sollevando preoccupazioni sulla sicurezza del vaccino proprio mentre il programma di inoculazione stagionale viene ampliato per scongiurare potenziali complicanze del COVID-19.

Le autorità sanitarie affermano che i vaccini non hanno ucciso nessuno, dal momento che le persone morte avevano "condizioni di salute sottostanti", che è esattamente ciò che Natural News ha avvertito che sarebbe stato detto sulle morti da vaccino quando il conteggio dei morti ha iniziato ad accelerare. In particolare, quando le persone con condizioni di salute sottostanti muoiono per un'infezione da coronavirus, si dice che siano morte per covid-19. Ma quando hanno condizioni di salute sottostanti e vengono trovati morti dopo aver ricevuto un'iniezione di vaccino, le autorità sanitarie affermano che il vaccino non è correlato alla loro morte.

Quanto conveniente.

Operazione Fast Kill

Tutto fa sorgere la domanda: se i volontari umani stanno ora iniziando a morire durante gli studi attentamente controllati che reclutano individui estremamente sani per i test, cosa succederà quando questi vaccini rischiosi e affrettati saranno scatenati sul pubblico in generale selvaggiamente malsano?

L'Operazione Warp Speed ​​sta per diventare Operazione Fast Kill, a quanto pare.

Inoltre , non c'è modo più veloce per i globalisti di sterminare le persone che sono troppo stupide per rendersi conto che l'agenda covid-19 è in realtà un'agenda di sterminio mirata alla razza umana .

D'altra parte, coloro che sono abbastanza intelligenti da voler sopravvivere dovrebbero stare alla larga da tutti i vaccini e dagli esperimenti medici dell'industria dei vaccini condotti sugli esseri umani. Ovviamente.

La dottoressa Carrie Madej ci mette in guardia dal pericolo dei vaccini contro il coronavirus. Guarda il suo canale video su Brighteon.com:

Brighteon.com/channels/drcarriemadej

E segui i miei rapporti e commenti in tempo reale su Brighteon.social , la nuova alternativa alla libertà di parola a Facebook e Twitter. Ci sono già oltre 13.000 utenti e si stanno davvero divertendo a parlare liberamente, senza la censura di Big Tech.

Vedi anche VaccineDeaths.com per ulteriori rapporti su come i vaccini stanno uccidendo le persone.

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti;

30/09/20

I TAMPONI COVID-19 PRODUCONO FINO AL 95% DI FALSI POSITIVI : CONFERMATO DALL’ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

 


Dopo aver dimostrato come le stesse autorità sanitarie Europee e Americane affermino che il virus non è mai stato isolato, come in un uno-due pugilistico, vedremo ora come le stesse autorità sanitarie, in primis il nostro Istituto Superiore di Sanità, ammettono che i tamponi Covid-19 sono del tutto inaffidabili. 


Da una nota Facebook del dott Stefano Scoglio

Ho già scritto alcuni post e articoli su come i tamponi e i test sierologici per il Covid-19 siano inaffidabili, di fatto senza alcun significato perché senza nessun vero legame con un presunto virus SARS-Cov2, che non è mai stato isolato.

Abbiamo anche visto come tale inaffidabilità sia stata addirittura certificata dalla Commissione Europea e dall’Istituto Superiore di Sanità, che nell’Aprile-Maggio scorso hanno pubblicato documenti dove affermavano che in Europa circolavano 78 tamponi diversi, di cui nessuno validato da organismi indipendenti, nessuno valutato o autorizzato preventivamente, e addirittura la stragrande maggioranza dei quali non dichiarava neppure quali sequenze geniche utilizzasse, e quindi potenzialmente contenenti qualsiasi cosa. A questo punto ho voluto approfondire la cosa, e ho scoperto ulteriori elementi, sia scientifici che legali.

La situazione normativo-regolatoria

Innanzitutto, va detto che i tamponi rientrano nella nuova normativa REGOLAMENTO (UE) 2017/746 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 5 aprile 2017 relativo ai dispositivi medico-diagnostici in vitro e che abroga la direttiva 98/79/CE.

Nella normativa precedente abrogata, in generale bastava l’apposizione del marchio CE, che è un marchio relativo soprattutto alla sicurezza; e solo per alcuni dispositivi diagnostici in vitro elencati nell’Allegato II, e aventi a che fare con i virus già conosciuti (HIV 1 e 2, HTLV I e II e dell'epatite B, C e D), si richiede la valutazione tecnica e di efficacia da parte di un Organismo Notificato, ovvero un organismo di validazione riconosciuto dalla EU. Ora, sappiamo dal Documento della Commissione Europea del 16 Aprile scorso che nessuno dei 78 modelli di test tampone in circolazione a quella data sono stati valutati o sottoposti a qualsiasi organismo di valutazione riconosciuto, e che addirittura ciò non sarebbe stato neppure possibile dato che quasi nessuno di quei 78 tamponi mette a disposizione una adeguata scheda tecnica, inclusa la specifica delle sequenze geniche utilizzate. Come è possibile? In fondo, il SARS Cov2 dovrebbe essere un virus anche più importante di quelli dell’epatite o dell’HIV, che non hanno mai portato alla chiusura dell’economia e della vita sociale di intere nazioni. E’ possibile perché il Regolamento della Direttiva 98/79 CE elenca solo i virus suddetti, ed essendo il SARS Cov 2 un nuovo virus non è incluso.

Già, ma abbiamo appena visto che tale regolamento è stato abrogato dal regolamento del 2017, che a sua volta pone requisiti ancora più stringenti di quello precedente, richiedendo valutazioni preliminari di efficacia da parte di organismi di validazione riconosciuti per tutti i dispositivi diagnostici in vitro in cui rientrano anche i tamponi Covids-19. E allora perché sono stati autorizzati in commercio test tampone privi di qualsiasi validazione o anche solo valutazione preliminare, e addirittura privi delle specifiche sulle sequenze geniche utilizzate?

Perché l’Italia ha fatto scuola, e il motto “fatta la legge trovato l’inganno” è diventato motto europeo: il Regolamento 2017/46 del 5 Aprile 2017 entrerà in vigore, per i dispositivi diagnostici in vitro, solo il 26 Maggio 2022! E con questo i tamponi Covid-19 hanno goduto dell’interregno, non essendo inclusi, in quanto relativi a un virus nuovo, nel Regolamento del ’98; e non essendo ancora sottoposti a un Regolamento del 2017 che li avrebbe messi tutti fuori legge, ma che non entrerà in vigore se non a metà del 2022!

La domanda che occorre porsi, e che non può non avere rilevanza anche giuridica, è: questi tamponi sono del tutto privi di valutazione e validazione, e sono in circolazione solo grazie al fatto che si è creato un vuoto normativo tra Regolamento del 1998, che limitava la lista dei virus solo a quelli conosciuti (ma che per analogia dovrebbe applicarsi anche ai nuovi emergenti) e Regolamento del 2017, che abroga quello del ’98 ma entra in vigore solo nel 2022; se insomma questi tamponi Covid-19 sono utilizzati solo grazie ad una anomalia legislativa, e nel 2022 sarebbero del tutto illegali; è ammissibile che a tali tamponi, in vita per puro miracolo o distorsione giuridica, si affidino le sorti di intere nazioni e dell’intera economia mondiale? Ovviamente no, non dovrebbe essere ammissibile, e se lo sarà, sarà solo perché la forma giuridica viene fatta prevalere sulla sostanza giuridica.

Veniamo però alla sostanza scientifica dei tamponi. Il primo argomento è che sono del tutto senza significato perché il virus non è mai stato isolato, e dunque non esiste nessun marker realistico che ne supporti l’azione. Questo è discorso che ho affrontato in dettaglio altrove; ma sembra che su questo punto le orecchie di chi dovrebbe intervenire tendono a restare chiuse (anche se noi continueremo a gridare la verità). Facciamo dunque finta che non sia questo il problema, che il virus sia stato isolato. Vedremo che anche da questo punto di vista, i tamponi restano del tutto inaffidabili e privi di significato.

La questione della mutazione del virus

Uno dei problemi fondamentali è la continua mutazione del virus. Come scrive lo stesso Istituto Superiore di Sanità (confermando quello che vado dicendo da sempre):

“…il virus infatti può mutare e nuove sequenze nucleotidiche depositate nelle banche dati possono rivelare se queste mutazioni possano a loro volta rendere un particolare test meno efficace o addirittura inefficace…È importante puntualizzare che per la diagnostica di questo virus emergente, con uno stato dell’arte in evoluzione, le reali prestazioni del dispositivo osservate possano differire rispetto a quelle determinate dallo studio iniziale delle prestazioni condotto dal fabbricante ai fini della marcatura CE, in uno stato dell’arte precedente.” (Gruppo di Lavoro ISS Test Diagnostici COVID-19, Dispositivi diagnostici in vitro per COVID-19. Parte 2: evoluzione del mercato e informazioni per gli stakeholder , Rapporto ISS COVID-19 n. 46/2020, 23 Maggio 2020, p. 8).

Come ho sempre sostenuto anch’io: se al GISAID, dove si raccolgono le sequenze geniche del SARS-Cov 2, ci sono oltre 100.000 sequenze diverse, e aumentano costantemente, che valore ha un tampone messo a punto nel febbraio 2020 e utilizzato nel Luglio 2020, quando il virus era certamente modificato?

Per capire ciò, basterebbe dire che la gran parte dei tamponi in circolazione sono stati strutturati (se lo sono stati) sul virus sequenziato dai Cinesi a Wuhan. Ma in Italia sono stati sia lo Spallanzani che il San Raffaele a fornire sequenziamenti genici diversi, ed entrambi, oltre a pseudo-isolare il virus con le stesse metodiche farlocche che ho descritto altrove (https://www.byoblu.com/2020/09/12/lo-studio-in-esclusiva-su-byoblu-virus-mai-isolato-una-dittatura-basata-su-tamponi-non-convalidati-stefano-scoglio-candidato-premio-nobel-per-la-medicina-nel-2018/

), hanno subito messo in chiaro che si trattava di virus modificati rispetto a quello isolato in Cina (Capobianchi M.R. et al., Molecular characterization of SARS-CoV-2 from the first case of COVID-19 in Italy, Clin Microbiol Infect, 2020 Jul;26(7):954-956.); e in uno studio organizzato da diversi centri medici italiani (Sacco, San Raffaele, etc.), quando hanno analizzato 59 campioni di liquido da pazienti Covid-19 da diversi centri del Centro e Nord Italia, hanno trovato una notevole mutazione, al punto da trovare :

A mean of 6 nucleotide substitutions per viral genome was observed, without significant differences between synonymous and non-synonymous mutations, indicating genetic drift as a major source for virus evolution.” (Lai A. et al., Molecular Tracing of SARS-CoV-2 in Italy in the First Three Months of the Epidemic, Viruses 2020, 12, 798; doi:10.3390/v12080798.)

“Una media di 6 sostituzioni nucleotidiche per ogni genoma virale, senza differenze significative tra mutazioni sinonime e non sinonime, delineando così una deriva genetica come importante fonte dell’evoluzione del virus.”

Da questo studio si evince che non solo il virus muta da continente a continente, da nazione a nazione, ma addirittura da provincia a provincia, e di fatto da persona a persona! Ci sono dunque 7 miliardi di virus diversi che solo si assomigliano? Esiste un virus talmente magico da incorporare 7 miliardi di mutazioni? E soprattutto: a cosa serve, in questo quadro, un test tampone universale, che ha solo una o al massimo 3 sequenze geniche?

Come afferma lo stesso ISS, “…queste mutazioni possano a loro volta rendere un particolare test meno efficace o addirittura inefficace”, e tuttavia nessuno, tra le autorità politiche o giuridiche, si preoccupa di verificare se i tamponi che sostengono e mantengono la pseudo-pandemia, siano o no corrispondenti alle innumerevoli mutazioni di questo super-virus!

La costante mutazione del SARS-Cov2, tale da renderlo di fatto irriconoscibile, è stata confermata anche a livello internazionale: un articolo americano, che include anche Robert Gallo tra gli autori, ha riscontrato decine di mutazioni crescenti nel tempo in parallelo con la presunta diffusione del virus dall'Asia all'Europa agli USA (Pachetti M. et al., Emerging SARS-CoV-2 mutation hot spots include a!novel RNA-dependent RNA polymerase variant, J Transl Med (2020) 18:179 https://doi.org/10.1186/s12967-020-02344-6

.); mentre un autore asiatico ha analizzato 85 diverse 6sequenze genomiche SARS-Cov2 disponibili presso GISAID, e ha trovato ben 53 diversi ceppi SARS-Cov2 provenienti da varie aree della Cina, dell'Asia, dell'Europa e degli Stati Uniti (Phan Tung, Genetic diversity and evolution of SARS-CoV-2, Infection, Genetics and Evolution, 81 (2020), 104260.).
Insomma, se il virus muta costantemente, allora il test tampone è inutile, perché va a cercare un virus sempre precedente e sempre diverso rispetto a quello attualmente in circolazione. Basterebbe questo da solo per capire che il tampone Covid-19 il test è completamente, al 100%, fallace!

Questo è davvero ciò che accade nella realtà. Il “Drosten PCR Test” e il test dell’Institute Pasteur, i due test considerati i più affidabili (sebbene nessuno dei due lo sia stato convalidato esternamente), entrambi utilizzano un test del gene E, anche se il test di Drosten lo utilizza come test preliminare, mentre l'Institut Pasteur lo utilizza come test definitivo. Secondo gli autori del Drosten test, il test E-gene è in grado di rilevare tutti i virus asiatici, essendo così al contempo molto aspecifico (tutti i ceppi viruali) e limitato ad un'area geografica (Asia). Ancora, il test Institut Pasteur, uno dei più adottati in Europa, utilizza il test E-Gene come test finale, anche se è ormai noto che il virus (o virus) SARS-Cov2 che si ritiene circolino in Europa sarebbero diversi da quelli asiatici. E poi ad aprile, l'OMS ha cambiato l'algoritmo "... raccomandando che da ora in poi un test può essere considerato positivo anche se solo il dosaggio del gene E (che probabilmente rileverà tutti i virus asiatici!) dà un risultato positivo”. Insomma, per OMS ed epigoni, tutto fa brodo pur di mantenere la tragica farsa della pandemia!

La questione dei cicli (runs) della RT-PCR

Un’altro grave problema dei tamponi, che utilizzano la metodica della RT-PCR, è che l’affidabilità di tale metodica dipende dal numero di cicli (replicazioni) che vengono usati per trovare il virus SARS-Cov2. Prof. Stephen Bustin, una delle autorità mondiali di PCR, ha scritto in un recente articolo relativamente alla identificazione della presenza di SARS-Cov 2:

…the most widely used method is quantitative fluorescence-based reverse transcription polymerase chain reaction (RT-qPCR). Despite its ubiquity, there is a significant amount of uncertainty about how this test works, potential throughput and reliability.”(Bustin S.A, Nolan T., RT-qPCR Testing of SARS-CoV-2: A Primer, Int. J. Mol. Sci. 2020, 21, 3004; doi:10.3390/ijms21083004, p. 1). 

…il metodo più utilizzato è la Reazione a catena delle polimerasi quantitativa a trascrizione inversa basata sulla fluorescenza (RT-qPCR). Nonostante la sua ubiquità, c’è un significativo livello di incertezza su come funziona questo test, sulla sua potenziale produzione e affidabilità.

Probabilmente questo è dovuto anche e soprattutto alla questione dei cicli di PCR che vengono normalmente effettuati coi tamponi. In una intervista al compianto David Crow, prezioso ricercatore canadese, Bustin afferma:

…the cycle number per se is not a good measure…most instruments, when you get above a cycle number of 35, then you start worrying about the reliability of your result…so, you want to be sure that your results are within the 20 to 30 cycles…

…il numero di cicli di per sé non è una buona misura…la maggioranza degli strumenti, quando sali oltre il numero di 35 cicli, cominci a preoccuparti sull’affidabilità dei tuoi risultati…quindi, vuoi assicurarti che i tuoi risultati siano prodotti dai 20 a un massimo di 30 cicli…”.

E dato che la maggioranza dei tamponi sale fino e oltre i 40 cicli, Crow domanda a Bustin:
“…if you get up to 40 cycles, you could get a ghost, the PCR could string bases together casually…”
“…se sali a 40 cicli, potresti produrre un fantasma, la PCR può iniziare a raccordare assieme basi nucleotidiche in modo casuale…”
E Bustin risponde: “I would be very unhappy about 40 cycles…”;(David Crow, The Infectious Myth: https://infectiousmyth.podbean.com/e/the-infectious-myth-stephen-bustin-on-challenges-with-rt-pcr/

)
“Sarei molto scontento a 40 cicli…”.
Vediamo quindi quanti cicli vengono normalmente usati nei tamponi. Forse vi ricordate della recente polemica, alimentata dal dr. Remuzzi del San Raffaele, per cui i tamponi che trovano il virus solo con un’alto numero di cicli si riferiscono a casi di bassissima viralità, considerata non infettiva:

Remuzzi riferisce che la positività nei tamponi dello studio del Mario Negri emergeva solo dopo 34-38 cicli di amplificazione. Ma più si amplifica, più il segnale si fa debole e incerto, facendo pensare a tracce di Rna virale ormai residuali e inattive. Niente infezione, insomma.”(Luca Carra, Debolmente positivi: realtà o illusione?, Internazionale, 23 Giugno 2020.). 

Questo è in accordo con ciò che sostiene il Prof. Bustin: sopra i 35 cicli, l’affidabilità del tampone crolla, e al massimo, per salvare la baracca, si può sostenere che si tratta di presenza di virus talmente debole da non essere più infettivo. La sostanza non cambia: che il virus venga creato dalla PCR come un “fantasma”, come sostengono Crow e Bustin, o che esso sia senza nessuna carica virale, perché si conti una a utilizzare questi risultati da tampone per terrorizzare la gente e prorogare vari tipi di lockdown?

E che i tamponi utilizzino normalmente sopra i 35 cicli di PCR è confermato da questa tabella che riporta una serie di diversi tamponi e la media del loro numero di cicli :

La tabella presenta un campione di 6 dei 22 tamponi analizzati da FIND (Foundation for Innovative New Diagnostics) , la più autorevole organizzazione di valutazione degli strumenti diagnostici, presa come riferimento dallo stesso Istituto Superiore di Sanità italiano (per la tabella completa vedi: https://www.finddx.org/covid-19/sarscov2-eval-molecular/).
Come si vede dalla tabella, i tamponi sono tutti sopra i 35 cicli; e si consideri che i numeri dati sono medie, il che significhi che nel 3-40% dei casi si sale anche sopra i 40 cicli! 

E la cosa è confermata anche per il test Xpert Xpress di Cepheid, che la FDA americana ha ritenuto così importante e affidabile da conferire a questo test un’autorizzazione di emergenza, saltando tutti i passaggi di verifica. Ebbene, anche questo test così importante, adotta un numero di cicli eccessivo:


La media riferita al gene E, che è comunque aspecfifico e tipico di tuti i coronavirus, è attorno ai 34-35 cicli; ma la media riferita al gene N2, che dovrebbe essere più specifico del SARS-Cov2 (vedremo che non è così neppure per questo gene), si attesa attorno a 37-38 cicli!

Questo significa che nella maggioranza dei casi i tamponi danno o risultati fantasma, o se anche “beccano” il virus, lo trovano in uno stato talmente indebolito da non costituire più nessun pericolo. Questo significa anche che dunque non c’è più nessuna motivazione per terrorizzare con lo spettro dei positivi asintomatici, perché come minimo si tratta di individui incapaci di infettare alcunché. Ma la verità, come stiamo per vedere, è che i tamponi producono risultati senza nessun significato, risultati fantasma o comunque non indicativi della presenza del SARS-Cov 2 .

La questione della cross-reattività, o mancanza di specificità.

Prendiamo i tre più importanti modelli di test-tampone, utilizzati da molti dei tamponi circolanti, quello della OMS, quello tedesco-europeo del gruppo di Drosten, e quello del CDC americano. Quello della OMS, come abbiamo già visto altrove, è talmente a rischio di aspecificità (ovvero di cogliere col tamponi virus o particelle simil-virali diverse dal SARS-Cov2) che in uno dei suoi 3 primers (le sequenze geniche con cui si va alla ricerca del virus) c’è addirittura una sequenza genica tipica del DNA umano, quella del cromosoma 8:


Qui il rischio di far venire il tampone positivo anche senza nessun virus presente è ovviamente molto alta, visto che tutti gli esseri umani possiedono quella sequenza CTCCCTTTGTTGTGTTGT come parte del loro corredo genico.

Il CDC americano utilizza invece altre sequenze geniche, relative al gene N del virus, quello del suo nucleocapside. Questa scelta di focalizzarsi sul gene N, nelle sue due versioni N1 e N2, è dovuto al fatto che il gene E “… also detects SARS-related coronaviruses” (“rileva anche altri SARS-coronavirus” : Wagginer J et al., Triplex Real-Time RT-PCR for Severe Acute Respiratory Syndrome Coronavirus 2, Research Letter, Volume 26, Number 7—July 2020). Questo mostra come il tampone OMS possa, in aggiunta a legarsi al genoma umano, identificare altri coronavirus scambiandoli per il SARS-Cov 2.

Ma che garanzie ci sono che i geni N1 e N2 siano invece più specifici? Tutti i coronavirus hanno un nucleo-capside, e dunque geni del tipo N. Il CDC sostiene che il gene N2 è specifico del SARS-Cov2; ma anche su questo non c’è accordo, dato che per alcuni ricercatori non è così:

“…we found out that only one of them (RdRP_SARSr-P2) was almost specific for the new coronavirus and the other introduced probes would detect the other types of coronaviruses. In this regard, the false-positive test results may extend for COVID-19” (Kakhki RK et al, COVID-19 target: A specific target for novel coronavirus detection, Gene Reports 20 (2020) 100740.)

“…abbiamo trovato che solo uno di loro (il gene RdRP-SARSr-P2) è quasi specifico per il nuovo coronavirus, mentre le altre “sonde” (sequenze geniche) rilevano anche altri tipi di coronavirus. Sotto questo aspetto, i risultati con falsi positivi possono ampliarsi in rapporto al Covid-19.”

Ciò significa che non c’è alcuna sicurezza neppure sulla specificità del gene N2 usato dal modello della CDC, specie se si considera che appunto i geni N sono tipici di tutti i coronavirus. E si noti come gli autori, anche per il gene che ritengono specifico, lo definiscono “quasi” specifico, nel senso che anche quello non è completamente specifico!

E quando veniamo al test di Drosten, il test-tampone europeo, le cose diventano anche più evidenti. Innanzitutto, vediamo qui in modo apertamente dichiarato, che questi isolamenti e definizioni del virus sono tutte elaborazioni al computer, senza nessuna presenza fisica del virus:

The present report describes the establishment of a diagnostic workflow for detection of an emerging virus in the absence of physical sources of viral genomic nucleic acid.”(Corman V et al, Detection of 2019 novel coronavirus (2019-nCoV) by real-time RT-PCR, Euro Surveill. 2020 Jan 23; 25(3): 2000045, p.10.)

Il presente documento descrive la realizzazione di un processo diagnostico per il rilevamento di un virus emergente in assenza delle fonti fisiche degli acidi nucleici genomici virali”.
Quindi qui l’astrazione dei tamponi dall’effettivo virus è dichiarata apertamente, e appare evidente anche dalla tabella delle sequenze geniche utilizzate dal gruppo di Drosten:


Come si vede, il tampone di Drosten utilizza tutti e 3 i geni, E, N e RdRP. Ma se confrontiamo la sequenza genica del SARS-Cov 2 con quella del SARS-Cov originario (al penultimo posto nella lista), vediamo che:

il gene E del SARS-Cov 2 è identico al 100% a quello del SARS-Cov1, e probabilmente a quello di tutti i SARS coronavirus (nella penultima riga non ci sono variazioni di lettere);

Il gene N ha una sola variazione, una C invece di una T, al 15° posto della sequenza del Reverse primer. Questa è una variazione di appena 1/64esimo, ovvero di appena l’1.5%. Le possibilità di confusione e cross-reattività (rilevare un SARS virus diverso dal SARS-Cov2) è molto elevata.

Il gene RdRP è l’unico che ha 5 variazioni su 64, di nuovo non una grande differenza, anche se meglio degli altri due (e per questo gli autori sopra lo hanno definito “quasi” specifico).

Insomma, in totale abbiamo una differenza di soli 6 nucleotidi su 214, una percentuale di appena il 2.8%. E per questo anche quando autori indipendenti hanno testato l’efficienza del test Drosten hanno concluso che il test dimostrava:

“…a lot of cross-reactions with Coronavirus BtRs-BetaCoV (MK211374- MK211378), SARS coronavirus Urbani (MK062179-MK062184), Bat coronavirus (KY770858-KY770859), SARS coronavirus (AH013708-AH013709), and others”.

…elevata cross-reattività con i Coronavirus BtRs-BetaCoV (MK211374- MK211378), SARS coronavirus Urbani (MK062179-MK062184), Bat coronavirus (KY770858-KY770859), SARS coronavirus (AH013708-AH013709, e con altri.

E anche il gene RdRP, che dovrebbe essere più specifico
“…covers many coronavirus isolates, including Bat SARS-like Coronavirus (MG772904-MG772932), Rhinolophus pusillus Coronavirus (KY775091), Bat SARS-like Coronavirus (MG772903) and many others” (Kakhki RK et al, COVID-19 target: A specific target for novel coronavirus detection, Gene Reports 20 (2020) 100740.)

“…copre molti altri isolati di coronavirus, inclusi Bat SARS-like Coronavirus (MG772904-MG772932), Rhinolophus pusillus Coronavirus (KY775091), Bat SARS-like Coronavirus (MG772903), e molti altri.

Insomma, tutti i principali test-tamponi mancano di specificità, e sono affetti da un elevata cross-reattività, ovvero producono un elevata quantità di falsi positivi. Questa verità, che dovrebbe porre immediatamente fine alla follia della pseudo-pandemia spinta da questi tamponi farlocchi, è da ultimo, last but not least, apertamente confermata dallo stesso Istituto Superiore di Sanità, organismo del governo italiano.

ISS del Governo Italiano: in questa situazione epidemica, i test-tampone danno fino al 91% di falsi positivi!

Nel documento Dispositivi diagnostici in vitro per COVID-19. Parte 2: evoluzione del mercato e informazioni per gli stakeholder, del 23 Maggio 2020, l’Istituto Superiore d Sanità fa una analisi approfondita dei dispositivi test-tampone in circolazione, sottolineando la tensione esistente tra sensibilità, la capacità di rilevare quanto più RNA virale possibile, e la specificità, ovvero la necessità che tale RNA virale si riferisca solo al virus che si sta cercando, in questo caso il SARS-Cov2.

Un test molto sensibile nel rilevare il bersaglio di interesse ha maggiori probabilità di rilevare anche bersagli correlati ma distinti che non sono di interesse, vale a dire che può essere meno specifico.”(Gruppo di Lavoro ISS Test Diagnostici COVID-19, Dispositivi diagnostici in vitro per COVID-19. Parte 2: evoluzione del mercato e informazioni per gli stakeholder , Rapporto ISS COVID-19 n. 46/2020, 23 Maggio 2020, p. 6).

L’ISS spiega poi che tale tensione è modulata da un altro fattore, ovvero quello di “prevalenza”. In ambito epidemiologico, la prevalenza descrive la percentuale di popolazione affetta da una certa patologia. Nel caso di una patologia presuntivamente virale come il Covid-19, la prevalenza indica quanti malati attuali di Covid-19 ci sono sul totale della popolazione.

Perché questo dato è importante in rapporto alla affidabilità dei test-tampone? Perché maggiore è la percentuale di popolazione affetta, maggior è la circolazione del virus, e quindi maggiore è la probabilità che il test-tampone rilevi effettivamente quel virus anziché altri, riducendo così il gap tra sensibilità e specificità.

L’ISS riprende una tabella che considera l’effetto della prevalenza sull’efficacia dei tamponi. La tabella è stata pubblicata da FIND, autorevole organizzazione internazionale già vista sopra; e così, il dato che emerge dalla tabella FIND, accettato e riproposto dal’ISS, ha valore non solo per l’Italia, ma per tutto il mondo.
Scrive l’ISS a introduzione della Tabella:

Nella tabella che segue, tratta dal documento Rapid diagnostic tests for COVID-19 (FIND, Rapid Diagnostic Tests for Covid-19: https://www.finddx.org/wp-content/uploads/2020/05/FIND_COVID-19_RDTs_18.05.2020.pdf), viene mostrato con un esempio numerico come la capacità di identificare correttamente i positivi (colonna PPV) sia correlata sia alla sensibilità e specificità del test, sia alla prevalenza del marcatore nella popolazione target, esemplificata da quattro coorti di 1.000 individui con quattro diversi valori di prevalenza: 2%, 5%, 10% e 30%. 

Quindi, la capacità del test di rilevare correttamente la presenza del virus dipende da 3 fattori, tutti considerato nella tabella, ovvero sensibilità e specificità, ma alla luce della prevalenza; e la Tabella prende in considerazione 4 livelli di prevalenza: 2%, 5%, 10% e 30%. Prima di vedere la Tabella, vediamo a quale dei quattro gruppi appartiene la situazione Italiana (e di riflesso anche quella degli altri paesi, in cui il livello di prevalenza non si discosta molto da quello italiano). Quello che segue è la situazione Covid-19 in Italia al 25 Settembre 2020:


Il numero da considerare è quello degli attuali positivi, ovvero 47,718, che rappresenta appena lo 0.079% della popolazione italiana, assai distante persino dal livello più basso del 2%. Anche se volessimo esagerare, e prendere in considerazione il totale dei casi che ci sono stati dall’inizio a oggi, avremmo che il numero di 306,235 è pari allo 0.5% della popolazione italiana. Utilizzare questo secondo numero è statisticamente del tutto errato, ma l’ho fatto per sottolineare come neppure prendendo tutti i casi Covid-19 ufficiali (cioè CON Covid e non PER Covid) emersi dall’inizio della pseudo-pandemia ad oggi, si arriverebbe neppure lontanamente al 2% della popolazione. 
Vediamo finalmente la Tabella:


Il numero decisivo è il PPV, ovvero la capacità del test di rilevare effettivamente il virus. I numeri che ci interessano sono quelli legati al livello del 2%, che nel caso dell’Italia è in realtà molto più basso, assestandosi attorno allo 0.1%. Questo significa che i numeri di questa Tabella sono addirittura ottimisti, anche al livello del 2%, e più avanti faremo anche la proiezione della Tabella sul livello dello 0.1%.

Intanto, qui vengono considerati 3 modelli di tampone: quelli ad alta performance, a media performance, e a bassa performance. Al livello di prevalenza del 2%, questi sono i livelli di veri e falsi positivi dati dai tamponi:

Livello Veri positivi Falsi positivi
2% Alta performance 49.2% 50.8%
2% Media performance 14.8% 85.2%
2% Bassa performance 9.3% 90.7%

Quindi, nella migliore delle ipotesi, i tamponi danno il 50% di falsi positivi, e nella peggiore delle ipotesi danno quasi il 91% di falsi positivi! Mediamente, possiamo dire che i tamponi danno l’85,2% di falsi positivi!
In tutti i casi, l’Istituto Superiore di Sanità certifica che i tamponi sono del tutto inaffidabili! Ci sarà qualche politico che avrà voglia di ascoltare questa verità ufficiale, che più ufficiale non si può?

Qual’è il numero più probabile tra il 50% e il 91% di falsi positivi? Avendo visto in precedenza la inaffidabilità delle sequenze geniche dei principali tamponi, e soprattutto il fatto che tutti utilizzano più di 35 cicli di PCR, e dunque che i tamponi non possono che essere a bassa performance, il numero più realistico è il 91% di falsi positivi! Ma se anche fossero una via di mezzo, ad esempio il risultato della “media performance” dell’85%, le cose non cambierebbero. I tamponi sono del tutto inaffidabili, lo afferma lo stesso Istituto Superiore di Sanità e un’organizzazione autorevole internazionalmente come FIND: cosa si aspetta a far cessare la tragica farsa dei tamponi e dei positivi asintomatici?

E qui veniamo all’ultima considerazione, anche se non sarebbe neppure necessaria. I numeri che abbiamo visto si riferiscono al livello di prevalenza del 2%; ma in Italia oggi il livello è dello 0.1%. Un adeguato aggiustamento statistico richiederebbe un lavoro ad hoc. Ma se consideriamo che nel passaggio dal 30% di prevalenza al 2% (riduzione di 15 volte) i valori si riducono dal 95% al 49.3%, ovvero di circa la metà (50%); possiamo ragionevolmente valutare che passando dal 2% allo 0.1% (riduzione di 20 volte), i valori subiscano come minimo lo stesso dimezzamento. Questo significa che il range dei falsi positivi passa dal 50.3 al 75% nella migliore delle ipotesi; e dal 90.7 al 95% circa nella peggiore delle ipotesi.

Una ragione ancora più convincente per gridare con forza: BASTA CON LA TRUFFA DI QUESTA FALSA PANDEMIA, che genera una prevalenza di appena lo 0,1% (mentre i modelli parlano di prevalenze fino al 30%!); e che si regge su tamponi che, secondo l’autorevole opinione di FIND ripresa dallo ISS italiano, producono fino al 95% di falsi positivi!

Il candidato Premio Nobel: "VIRUS MAI ISOLATO: dittatura basata su tamponi fake" - Stefano Scoglio.


macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti;